Neuroscienza&Quotidiano

Atleti, artisti e leader sono più soggetti a problemi mentali?

Perché di fronte ad una delle prove più importanti, quelle per cui ci siamo preparati per mesi, ci blocchiamo?

Uno dei momenti più memorabili delle Olimpiadi di Tokyo della scorsa estate è stata una performance da star che non è avvenuta, in seguito a un errore che è valso una medaglia. È accaduto quando la stella della ginnastica Simone Biles ha annunciato che si sarebbe ritirata per motivi di salute mentale.

Il suo, non è un caso isolato. Questo è un fenomeno che riguarda altri sportivi celebri e star famose in tutto il mondo compresi cantanti come Bruce Springsteen e Lady Gaga. Più esattamente, riguarda chiunque ricopra un incarico importante in ambito della leadership e abbia a che fare con molte persone.

Quindi coloro che hanno a che fare con il pubblico sono a maggior rischio di malattie mentali?

“La salute mentale [degli atleti] è paragonabile a quella del pubblico in generale”, riassume la psichiatra Carla Edwards della McMaster University. “Ma i fattori specifici possono produrre rischi maggiori in persone con determinati ruoli.”

Atleti, artisti di ogni tipo e leader sono indiscutibilmente soggetti a sfide speciali. L’ansia che circonda la performance stessa – la cosiddetta “paura da palcoscenico” – è la più ovvia.

Ma la performance stessa è solo una parte della storia, e non necessariamente la parte più importante. Una minaccia più sostanziale per la salute mentale potrebbe venire fuori dall’arena e fuori dal palco.

Performance e cervello

Da un punto di vista neurobiologico, la vita di questi soggetti è sempre sotto stress. “Il nostro attuale sistema di stress si è sviluppato 10-20.000 anni fa. Si è evoluto per sfuggire allo Smilodon (gatto dai denti a sciabola estinto)”, afferma Gerard Sanacora, professore di psichiatria e direttore dello Yale Depression Program. “Un atleta non morirà a causa di una prestazione scadente o per i fischi, ma il cervello lo percepisce come una minaccia”.

La duplice natura dello stress è in piena evidenza. “C’è uno spettro da adattivo a tossico, ma è tutto lo stesso sistema”, dice. “Quando appropriato ai cambiamenti nell’ambiente, la risposta allo stress è positiva; aumenta il funzionamento cognitivo e si trasferisce in attività psicomotorie e fisiche potenziate. I musicisti e gli atleti sanno che una maggiore eccitazione è un ingrediente vitale per prestazioni vigorose e qualificate. Ma oltre, il lato negativo della curva diventa evidente”. dice.

“La neuroplasticità, la capacità delle cellule nervose di formare e modificare le connessioni, aumenta in alcune aree e diminuisce in altre. Il fattore di crescita ridotto nelle regioni ippocampali e corticali può inibire la memoria di lavoro. Il rilascio del neurotrasmettitore eccitatorio glutammato è fondamentale per il modo in cui il cervello si adatta, ma a livelli elevati può avere un effetto dannoso. Con un’intensità troppo grande, o con un’intensità prolungata nel tempo, [lo stress] può contribuire a cambiamenti fisiopatologici nell’elaborazione del cervello, persino allo sviluppo dei comportamenti e delle emozioni che chiamiamo depressione”, afferma Sanacora.

Lo stress può inficiare le prestazioni anche da un punto di vista fisico: una meta-analisi del 2021 ha suggerito che lo stress, sia nella competizione che in altri aspetti della loro vita, insieme all’ansia e, in misura minore, alla depressione, aumenta il rischio di lesioni.

You Might Also Like

Leave a Reply