Pillole del Dr. Ringleb

Come fare la differenza nella vita degli altri

Be your best significa sviluppare il proprio cervello sociale, significa perseguire l’obiettivo “Be-The-Best-Person-You-Can-Be“.

L’essenza di questo obiettivo sta nel rispondere alla domanda fondamentale: come farò la differenza nella vita degli altri?

Per affrontare questa domanda, è necessario prima avere una visione personale convincente. La neuroscienza fornisce informazioni chiave sul perché.
La ragione sta nel modo in cui il nostro cervello interpreta le informazioni in arrivo, come le raccoglie e le integra.
Rientrano sempre in una di queste due categorie:

  • una minaccia che genera un “problema”
  • una ricompensa che contribuisce ad un “obiettivo”.

In assenza di un obiettivo, il cervello elabora le informazioni in entrata come un problema e attiva automaticamente il suo circuito della “minaccia”, innescando una reazione di lotta o fuga rilasciando adrenalina e cortisolo. Questa reazione produce alti livelli di ansia, tensione e persino rabbia. In tali situazioni, tendiamo a rispondere con comportamenti, atteggiamenti e scuse abituali.
Viceversa, in presenza di un obiettivo, le informazioni in entrata vengono interpretate in relazione a tale obiettivo, che attiva il circuito della “ricompensa”, rilasciando la serotonina e la dopamina che ci induce a procedere verso l’obiettivo.

Avere una visione chiara, per fare la differenza, fornisce una risposta alla domanda del cervello: questo particolare obiettivo è importante? Quando la risposta è sì, il cervello adotta uno stato di vigilanza per identificare prontamente situazioni, persone e informazioni rilevanti. Quando, invece, manca una visione personale avvincente, il cervello assume automaticamente il mantenimento dello stato attuale. Altre informazioni che potrebbero essere potenzialmente utili non saranno interpretate come rilevanti, impedendoci così di migliorare, crescere e fare la differenza nella vita degli altri.

Tags