Neuroscienza&Quotidiano

L’abitudine mentale per una vita migliore

Molte persone non sanno che Steve Jobs ha attribuito gran parte del suo successo alla mentalità che ha sviluppato quando aveva dodici anni.
In un’intervista ha raccontato che, a quell’età, ha deciso di contattare Bill Hewlett, cofondatore della multinazionale Hewlett-Packard, per chiedergli se potesse dargli alcuni pezzi di ricambio per uno strumento che stava costruendo. Hewlett ha accettato volentieri di dargli il suo aiuto e gli ha proposto di lavorare nella sua azienda durante l’estate per assemblare misuratori di frequenza.

“Molte persone non vivono queste esperienze perchè non chiedono mai niente. Io non ho mai trovato qualcuno che non fosse disposto ad aiutarmi se glielo chiedevo” ha detto Steve Jobs.

Molti di noi non si rendono conto di quanto beneficio si possa trarre dall’aiuto, perchè diamo per scontato che chiedere aiuto sia sinonimo di debolezza o di mancanza d’intelligenza.
La verità è che per chiedere aiuto bisogna essere forti. Le persone di maggior successo non avrebbero potuto raggiungere risultati così notevoli ed essere ciò che sono senza ricevere dell’aiuto lungo il loro percorso.

Quindi uno dei consigli per essere un imprenditore o un businnesman di successo, nel presente e nel futuro, è che è assolutamente ammissibile, e necessario, chiedere aiuto quando ce n’è bisogno.

Come ha detto Oprah Winfrey: “Dalla vita ottieni ciò che hai il coraggio di chiedere”.

Da uno studio condotto presso la Harvard Businnes School chiamato “Smart People Ask For (My) Advice: Seeking Advice Boosts Perceptions of Competence” – Le persone intelligenti chiedono il (mio) consiglio: la ricerca di consigli aumenta le percezioni di competenza – è emerso che, nel momento in cui una persona ricerca un consiglio, lascia un’impressione positiva di sé.

Nel momento in cui chiedere diventa un istinto piuttosto che uno sforzo, si scoprono tutte le opportunità che non sono state individuate fino a quel momento. Lo scopo è quello di massimizzare tutte quelle opportunità che permettono di imparare nuove cose, migliorare se stessi e trovare soluzioni anche ai conflitti più critici che si possono incontrare.

Ci sono tre semplici passaggi per implementare quest’abitudine:

1. Capire che, se l’obiettivo è quello di avere successo nella propria carriera, è assolutamente necessaria la guida di mentori, esperti o professionisti. Il motivo è che essi hanno più esperienza, di cui hai bisogno per prendere delle decisioni più intelligenti. Questa è una qualità che le persone di maggior successo hanno imparato nel tempo.

2. Come Steve Jobs, bisogna essere consapevoli del fatto che le proprie risorse, tangibili o non, in alcuni momenti saranno inevitabilmente carenti. Per questo motivo, se credete sinceramente di non essere solo sognatori ma anche realizzatori, sappiate che dovrete chiedere qualsiasi aiuto sia disponibile. È possibile rivolgersi alla propria rete familiare, agli amici o ai colleghi, ma anche alle aziende che si occupano di consulenza.

3. Chiedere consigli implica fiducia e la formula per la fiducia è semplice: se vuoi che le altre persone si fidino di te, devi dimostrare loro la stessa cosa. Per di più, durante il percorso per il successo devi guadagnare la fiducia dei tuoi stakeholders. Come affermava Susan Solovic, imprenditrice americana pluripremiata e scrittrice: “le persone fanno affari con chi conoscono, con chi piace loro e con coloro di cui si fidano”.

L’abitudine di chiedere non si acquisisce in poco tempo e per qualcuno potrebbe trattarsi di una vera sfida, ma quando si è scoraggiati ci si deve ricordare che per fare la differenza è necessario uscire costantemente dalla propria zona di comfort. Nulla che valga la pena di raggiungere è immediato o facile, ma è possibile!

Fonte: thriveglobal.com

Tags